Lunedì, 13 Maggio 2019 13:21

Per la FIDS un argento al Campionato Europeo Standard e un bronzo in Coppa Europa Latin

In Lettonia gli Azzurri della FIDS hanno brillato sul dancefloor del Palasport di Salaspils conquistando un argento e un bronzo. Le attese era altissime e le prove sportive dei nostri atleti li hanno ripagati dei sacrifici rendendo orgogliosa la Federazione e l’Italia della danza sportiva.

Dopo una finale combattuta punto su punto la prima medaglia internazionale nell’appuntamento lettone è arrivata grazie alla coppia formata da Vito Coppola e Oona Oinas che hanno vinto il bronzo nella Coppa Europa danze latine americane. Solo per una manciata di punti gli Azzurri non sono riusciti a scalare la classifica finale che ha visto trionfare la coppia estone formata da  Konstantin Gorodilov e Dominika Bergmannova seguiti dai russi Maxim Elfimov e Evgenia Churikova.

Grandissima attesa anche per le prove sportive degli Azzurri Francesco Galuppo e Debora Pacini che nel Campionato Europeo disciplina Standard hanno conquistato un argento fatto di classe, eleganza, grinta e agonismo. Rispetto al Campionato Europeo Standard del 2018 gli Azzurri hanno migliorato la loro classifica finale: nel 2018 fu bronzo, oggi festeggiano un argento. Anche per Francesco e Debora solo qualche decimo di punto non gli ha permesso loro di raggiungere il gradino più alto del podio vinto dalla coppia lituana formata da Evaldas Sodeika e Ieva Zukauskaite.

Si sono fermarti ai quarti di finale (28esimo posto) gli azzurri Roberto Carano in coppia con Francesca Francini al loro debutto al Campionato Europeo Standard. 

«Sono davvero orgoglioso dei nostri ragazzi - ha  dichiarato il presidente della FIDS,  Michele Barbone - e sono stati bravissimi. Lo sport ad alto livello - ha concluso il presidente - prevede preparazione atletica, perseveranza, forza, concentrazione massima, grinta e tanto agonismo. Tutte queste qualità sono presenti nei nostri ragazzi che dimostrano in campo internazionale di essere atleti di primissimo piano di cui essere fieri. Sono sicuro che nel prossimo futuro avremo grandi soddisfazioni dai nostri ragazzi».  

Letto 866 volte Ultima modifica il Mercoledì, 15 Maggio 2019 11:48