presidente

presidente

09 Gen 2019

«La danza sportiva va sostenuta perché è un vivere in armonia col proprio corpo». A dirlo è il Ministro dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca Marco Bussetti che questo pomeriggio dalla sala Sandro Pertini del MIUR ha annunciato le città che ospiteranno le finali nazionali e mondiali dei prossimi Campionati Studenteschi 2019.

«La scuola svedese – ha proseguito il ministro – rende obbligatorie alcune attività sportive fra le quali la danza. La danza non deve essere sottovalutata, i giovani che sanno ballare fin da piccoli quando vanno da adolescenti in discoteca, vanno per ballare non per far altro, quindi sosteniamo la danza e diamole il giusto spazio. Sarà Catania dal 10 al 13 aprile la città che ospiterà le finali dei Campionati Studenteschi 2019 di danza sportiva».   

All’evento sono intervenuti anche il sottosegretario alla Presidenza del Consiglio dei Ministri Giancarlo Giorgetti, il presidente del Comitato Olimpico Nazionale Italiano (CONI) Giovanni Malagò, il presidente del Comitato Italiano Paralimpico (CIP) Luca Pancalli e il segretario generale dell’Associazione Nazionale Comuni Italiani (ANCI) Veronica Nicotra.

08 Gen 2019

Viste le richieste, si precisa che per le categorie 14/15, 16/18, 19/oltre, 18/oltre PD e Under 21 danze standard e latino americane, il turno di finale, si svolgerà come segue:

  • un ballo in solo di presentazione (Rumba per le danze latino americane e Slowfox per le danze standard) con lo svolgimento della routine di base descritta nel programma dell'evento;
  • 5 balli di gara come da regolamento in cui tutte le coppie finaliste competono insieme;
  • un ballo in solo (Cha Cha Cha per le danze latino americane e Quickstep per le danze standard) con programma di gara e con possibilità di musica propria (durata e velocità metronomica come da regolamento). Il brano eventualmente fornito deve essere comunque, per garantire una ottima qualità audio, in formato .MP3 con compressione minima 192 kB o formato originale musicale .WAV e consegnato una volta comunicate le coppie finaliste su CD o supporto USB.

L’ordine di svolgimento nel dettaglio è:

  • per le danze latino americane: Rumba di base, Samba, Rumba, Pado Doble, Jive, Cha Cha Cha, Cha Cha Cha in solo;
  • per le danze standard: Slowfox di base, Valzer Inglese, Tango, Valzer Viennese, Slowfox, Quickstep, Quickstep in solo.

Link al programma dell'evento

06 Gen 2019

Sarà il Consiglio Federale di marzo a celebrare l’ingresso della FIDS nel prestigioso Centro di Preparazione Olimpica del CONI a Formia, dove già “abitano” gli atleti di altre 22 discipline. Si tratta di un ulteriore tassello dell’impetuoso percorso di riconoscimento della FIDS da parte del Comitato olimpico nazionale.

“In questo modo il CONI certifica una volta di più – ha dichiarato il presidente Michele Barbone – il nostro impegno e il nostro allineamento a valori, procedure e modelli dello sport olimpico.  L’assegnazione di una palestra alla FIDS nel Centro di Formia è il premio al duro lavoro svolto da questo Consiglio Federale per ottenere il rango di Federazione con la F maiuscola. Sono orgoglioso di questo risultato e ringrazio tutti coloro che mi hanno affiancato e mi affiancano nella rivoluzione culturale che abbiamo avviato nel nostro splendido movimento”.

Non è solo tempo di celebrazioni. La FIDS ha già disposto che a Formia ci sarà il prossimo raduno delle Nazionali. Vi prenderanno parte oltre 350 atleti che entreranno nel Club Azzurro 2019 grazie ai risultati che otterranno ai prossimi Campionati Italiani (gli Assoluti per le “giovanili”, i Senior per gli “Over 35”).

Per loro sono già pronte le nuove divise “esclusive” per chi farà parte del Club Azzurro.

Intanto è già allo studio il programma per le attività di ritiro, allenamento e studio del modello prestazionale della danza sportiva (prossimo rilevante obiettivo del settore tecnico federale) da svolgere nel 2019.

06 Gen 2019

Un nuovo sistema per dare continuità e progressione all’attività sportiva federale. Ranking per caraibiche, latine, standard, jazz e freestyle, liscio, sala, tradizionale, folk romagnolo e fruste.

Come preannunciato nel Rasf e negli incontri federali dei mesi scorsi, la Fids nazionale e i Comitati regionali quest’anno introducono e garantiscono un nuovo sistema di competizioni, con circuiti in tutta Italia a partire dagli ASSOLUTI di gennaio/febbraio fino a RIMINI 2019, top degli appuntamenti agonistici, nel mese di luglio.
  
Le discipline previste sono quelle maggiormente presenti sul territorio e in grado di alimentare un sistema di ranking, con classifica finale utile a decretare i campioni di Coppa Italia, a definire i passaggi di classe e assegnare le stellette di qualificazione per accedere direttamente ai turni di gara superiori dei Campionati Italiani di categoria. Settori coinvolti Jazz e Freestyle, Caraibiche, Standard e Latino-americane, Liscio, Sala e Tradizionale, Danze Folk Romagnole e Fruste.
  
Mentre per altre specialità potranno essere organizzate singole gare di Coppa, la novità fondamentale dei nuovi circuiti è di poter finalmente dare continuità e progressione all’attività sportiva federale collegando i risultati e la partecipazione a Campionati regionali, Coppe regionali, prove di Coppa Italia e Campionati italiani della stessa stagione.
 
In generale, oltre agli Assoluti (validi per la Coppa Italia solo per le classi A e AS), ai campionati regionali (la cui partecipazione è il requisito che permette agli atleti di entrare in graduatoria) e ai campionati italiani di categoria, per le varie discipline la Coppa Italia può prevedere un diverso numero di gare (da una gara unica di Coppa Italia o più Coppe Regioni) tra cui scegliere i migliori risultati. Ad esempio le gare di Coppa Regione previste per la Combinata Caraibica sono cinque (Lazio, Piemonte, Umbria, Sicilia, Marche) e per ciascuna coppia varranno al massimo i migliori tre risultati. Per Jazz & Freestyle - Boogie, Rock, Disco, Street e Show - le Coppe Regioni saranno quattro (Lombardia, Toscana, Sardegna, Piemonte), con la possibilità di collezionare punti grazie ai migliori due risultati.

Le differenze tra le varie ranking sono dettate dal reale fabbisogno di competizioni nella disciplina e studiate in relazione anche al numero di iscritti per categoria e classe, alle opportunità di sviluppo e ai calendari delle gare internazionali (per Latine e Standard classi A, A2 e A1 nel circuito è inserita anche la prova di Grand Slam WDSF a Rimini). Inoltre, per evitare disparità tra gli atleti delle varie regioni, in conseguenza del diverso numero di tesserati, la partecipazione ai Campionati regionali attribuirà un bonus uguale per tutti, mentre tutte le altre gare non avranno limitazioni territoriali. In particolare le Coppe Regioni, ora effettivamente annoverate quali gare nazionali, quindi aperte agli atleti di tutta Italia.

Tutti i dettagli nelle circolari allegate:

05 Gen 2019

Come già comunicato con precedente nota, il tesserato tecnico in regola con il tesseramento 2019, e che nel database federale risulti in possesso:

  • di diploma di disciplina di 1° grado rilasciato da un ente formativo convenzionato: può conseguire l’inquadramento come “Istruttore Federale” al termine di un corso di formazione, riferito agli aspetti generali;
  • di diploma di disciplina di 2° (o unico) grado rilasciato da un ente formativo convenzionato: può conseguire l’inquadramento come “Maestro Federale Nazionale” al termine di un corso di formazione, riferito agli aspetti generali.

Alla luce della nuova modalità di accertamento delle conoscenze per gli aspetti generali predisposto dalla Scuola Federale, la formazione non avrà limiti temporali e pertanto potrà essere svolta durante tutto l’anno. L’ottenimento infatti del certificato di superamento dell’esame sulle conoscenze generali permette il rilascio della qualifica di Istruttore Federale e Maestro Federale Nazionale alla luce del piano di formazione adottato dalla FIDS.

Per l'acquisizione delle conoscenze generali, previste dal piano formativo, la Scuola Federale è stata incaricata dal Consiglio Federale di organizzare (rispetto alla precedente modalità a distanza), corsi di formazione territoriali di 16 ore al termine del quale il tecnico dovrà sostenere la prova d'esame sui contenuti del corso.

Il costo dell'attività di formazione è:

  • 100,00 € esame per l’ottenimento della certificazione delle conoscenze generali per Istruttore Federale (1° livello);
  • 150,00 € esame per l’ottenimento della certificazione delle conoscenze generali per Maestro Federale Nazionale (2° livello);
  • 250,00 € esame per l’ottenimento della certificazione delle conoscenze generali per Maestro Federale Nazionale (1° + 2° livello).

Calendario corsi Formazione Territoriale, recupero FAD

I tecnici non allineati potranno partecipare ad una delle sessioni previste e di seguito pubblicate. Si ricorda che per sostenere gli esami di qualificazione da giudice federale o d'avanzamento per tecnico/giudice straordinario è necessario possedere la qualifica di Maestro Federale Nazionale quindi completare l'allineamento nei corsi di seguito organizzati.

- 9 e 10 febbraio, Bologna (Hotel Cosmopolitan Bologna, Via del Commercio Associato 9. Convenzione: 53,00 € camera DUS) - Programma e modulo di adesione
- 14 e 15 febbraio, Caserta (Grand Hotel Vanvitelli, Via Carlo III San Marco Evangelista. Convenzione: 80,00 € camera DUS, 100,00 € camera doppia) - Programma e modulo di adesione

Scadenza adesioni: 31 gennaio 2019

04 Gen 2019

Il comma 646 della legge 30 dicembre 2018, n. 145, ha modificato l’art. 27 bis della tabella di cui all’allegato B annesso al decreto del presidente della repubblica 26/10/1972 n. 642 estendendo anche alle “associazioni e società sportive dilettantistiche senza fini di lucro riconosciute dal Coni” l’esenzione da bollo fino all’anno scorso applicabile solo alle Federazioni sportive e agli enti di promozione sportiva.

Pertanto dal primo gennaio di quest’anno gli atti, documenti, istanze, contratti nonché copie anche se dichiarate conformi, estratti, certificazioni, dichiarazioni e attestazioni poste in essere o richieste da dette associazioni e società sportive saranno esenti da bollo.

In particolare, riprendendo quando indicato nella recente Circolare 18/E del 1 agosto 2018 , rientrano tra i documenti esenti da bollo anche le ricevute per indennità, rimborsi spese analitici, rimborsi spese forfettari, richiesti a fronte di somme erogate  da associazioni e società sportive dilettantistiche trattandosi di “documentazione necessaria ai fini dell’esecuzione dei rimborsi".

21 Dic 2018

In data 18 dicembre, nell'hotel Villa Maria Regina a Roma, ha avuto luogo la 16esima riunione del Consiglio Federale del quadriennio olimpico 2016/2020 con all’ordine del giorno numerosi e importanti argomenti.

In apertura dei lavori il Consiglio ha approvato all'unanimità il verbale della seduta del 30 settembre, le deliberazioni del Consiglio di Presidenza o e le delibere assunte d'urgenza dal Presidente Federale, Michele Barbone.

Comunicazioni del Presidente - Il Presidente ha poi informato il Consiglio Federale sulle ultime deliberazioni del Consiglio Nazionale CONI e sulla situazione relativa alle vicende politico-sportive d’interesse federale. È stato illustrato nel dettaglio lo stato dei rapporti con gli Enti di Promozione Sportiva (che segna una forte accelerazione), il completamento degli adempimenti in tema di GDPR (nuova normativa europea sulla privacy), la pianificazione dei corsi di formazione per l’anno 2019 oltre alla definizione dei dettagli dei prossimi Stati Generali della Danza Sportiva previsti a Rimini.

Il Presidente ha inteso inoltre congratularsi con gli atleti, Alessandra Cortesia e Mattia Schinco, che hanno partecipato alle prime olimpiadi della danza sportiva a Buenos Aires. Ad Alessandra va, in particolare, il grande merito di aver conquistato la medaglia d’argento nella competizione mix insieme al collega argentino.

Attività Amministrativa - Il Consiglio ha approvato il bilancio preventivo 2019 (che presenta una previsione di sostanziale pareggio), il piano di formazione di alto livello e paralimpico GIPAL/GIA ed ha definito gli incarichi professionali per l’anno 2019.

Confermato l’impegno di spesa di oltre 200.000 Euro per le premiazioni che avranno luogo il 21 gennaio e il 4 febbraio a Rimini oltre a 100.000 Euro da destinare al Campionato Italiano Assoluto 2019 confermando quindi la volontà di riconoscere durante la premiazione i premi atleti.

Attività Istituzionale - Prosegue il progetto di formazione dei docenti di educazione fisica nelle scuole di istruzione secondaria superiore dopo l’approvazione del progetto da parte del MIUR "Dall'infanzia all'università. La danza è per tutti". Il progetto partirà infatti nelle prime 5 regioni pilota (Liguria, Sardegna, Lazio, Puglia e Sicilia). Confermate inoltre le tasse relative ai gradi di giustizia federale confermando gli importi deliberati lo scorso anno.

Al fine di integrare le posizioni vacanti nell’organico della Corte d’appello federale è stata pubblicata una manifestazione di interesse cui potranno partecipare i soggetti previsti dall’avviso.

Anche per il 2019 la FIDS ha manifestato interesse a partecipare all’edizione del Trofeo CONI che si svolgerà in Calabria.

Attività Tecnica - Preso atto della diponibilità presentata dalla Preparazione Olimpica del CONI e dal centro tecnico di Formia, è stata concessa alla FIDS una palestra permanente di allenamento presso il centro di Formia, alla pari delle altre federazioni olimpiche.

Sarà infatti Formia ad ospitare i raduni per le discipline internazionali: le classifiche del Campionato Italiano Assoluto decreteranno infatti gli atleti che faranno parte del Club Azzurro e che potranno partecipare ai raduni previsti nel mese di marzo 2019 secondo un nuovo format e programma ad indirizzo olimpico elaborato grazie all’influenza di grandi preparatori sportivi.

Deliberato inoltre lo svolgimento del congresso di aggiornamento WDSF previsto nel mese di marzo a Bologna.

Approvati i regolamenti dei circuiti di Coppa Italia che si allargano alle discipline: danze caraibiche, liscio e ballo da sala, liscio tradizionale, danze standard e latino-americane, danze jazz (Boogie Woogie, Rock tecnico, Rock semi-acrobatico, Rock special), Disco Dance, Hip Hop, Electric boogie, Street Show e Show dance. I nuovi circuiti permetteranno di identificare il Campione del circuito di ranking di “Coppa Italia”, definiranno i passaggi di classe (obbligatori e facoltativi) al termine della stagione sportiva e assegneranno le stellette per l’esenzione dei turni di gara ai Campionati Italiani di categoria.

Definito il gruppo di lavoro per l’organizzazione dei Campionati Europei IDO di Hip Hop, Break Dance ed Electric Boogie 2019 che si svolgeranno ufficialmente a Rimini, presso l’RDS Stadium, dal 16 al 19 maggio.

Completato l’organigramma del Settore Tecnico Federale, a seguito dell’approvazione del regolamento da parte della Giunta Nazionale del CONI: la nuova direzione tecnica internazionale, il coordinamento tecnico nazionale e i rappresentanti nazionali di disciplina saranno presentati in un apposito comunicato.

In esecuzione della delibera della Giunta Nazionale è stata, inoltre, deliberata la Commissione Nazionale Tecnici.

Presentato il progetto di realizzazione di una piattaforma della formazione tecnica, dedicata ai dirigenti, ai tecnici e ai giudici di gara che permetterà di informatizzare e velocizzare tutte le procedure di ricerca, iscrizione, partecipazione e report dei corsi ed esami organizzati dalla Federazione attraverso sistemi on line di ultima generazione.

Settore Arbitrale Federale - Infine è stata nominata la commissione del Settore Arbitrale Nazionale che si dovrà insediare nei primi giorni del 2019 per proseguire l’attività di designazione nelle manifestazioni previste dal Regolamento dell’Attività Sportiva Federale. Deliberato anche l’esame da giudice di gara straordinario di liscio tradizionale a completamento delle sessioni d’esame di tutte le discipline federali previste.

31 Dic 2018

Nel primo giorno del nuovo anno il messaggio augurale del presidente federale Michele Barbone. Un'occasione per fare il punto sulla situazione: bilanci, risultati, successi, strategie, programmi.

28 Dic 2018

La fatturazione elettronica, già in vigore dal 2015 per tutte le operazioni compiute verso la Pubblica Amministrazione viene estesa, a partire dal 1° gennaio 2019 anche alle operazioni tra “privati”.

Con l’espressione privati si intende fare riferimento a qualsiasi soggetto diverso dalla P.A., quindi, tale obbligo vale sia nel caso in cui la cessione del bene o la prestazione di servizio è effettuata tra due operatori Iva (operazioni B2B, cioè Business to Business), sia nel caso in cui la cessione/prestazione è effettuata da un operatore Iva verso un consumatore finale (operazioni B2C, cioè Business to Consumer) non in possesso di partita Iva.

Con questo approfondimento intendiamo fornire nella prima parte indicazioni generali su cosa è la fatturazione elettronica e nella seconda parte affrontare le questioni specifiche per:

  • le ASD con solo codice fiscale
  • le ASD e SSD in regime forfetario Legge 398/91

anticipando fin da ora che numerosi sono i dubbi e le perplessità.

Pubblichiamo di seguito una breve guida redatta a cura della FIDS attraverso la professionalità del dott. Fabio Romei.

Guida alla fatturazione elettronica

Link al sito dell'Agenzia delle Entrate

 

Aggiornamento del 2 gennaio 2019

AGGIORNAMENTO SULLA FATTURA ELETTRONICA PER LE ASSOCIAZIONI E SOCIETA’ SPORTIVE DILETTANTISTICHE

Avevamo espresso preoccupazione per le rilevanti modifiche alla disciplina degli enti che  operano in regime forfetario di cui alla Legge 398/91 introdotte dal Decreto Fiscale D.L. 119/2018. In particolare la previsione contenuta nel 2° comma dell’art 10 secondo cui:

 “ Gli obblighi di fatturazione e registrazione relativi a contratti di sponsorizzazione e pubblicità in capo a soggetti di cui agli articoli 1 e 2 della legge 16 dicembre 1991, n. 398, nei confronti di soggetti passivi stabiliti nel territorio dello Stato, sono adempiuti dai cessionari”

aveva fatto sorgere molteplici dubbi su come “interpretare ed applicare” tale previsione.

La problematica non è passata inosservata e nella Legge di Bilancio 2019 questo comma è stato abrogato.      

Alla luce di questa abrogazione la situazione è, pertanto, la seguente:

  • ASD che nell’esercizio precedente non ha superato i 65 mila euro di entrate commerciali: è esonerata dalla fatturazione elettronica e potrà continuare ad emettere la fattura cartacea come fatto fino ad ora anche per le prestazioni di pubblicità/sponsorizzazione;
  • ASD che nell’esercizio precedente ha superato i 65 mila euro di entrate commerciali: è soggetta alla fatturazione elettronica ma sarà il  CLIENTE/COMMITTENTE titolare di partita iva a dover emettere la fattura elettronica al posto dell’associazione in regime 398. 

Rimane in ogni caso da tener conto che, come previsto dall’art 2 della Legge 398,  ad esclusione delle “prestazioni di sponsorizzazione, per le cessioni o concessioni di diritti di ripresa televisiva e di trasmissione radiofonica e per le prestazioni pubblicitarie” i soggetti che si avvalgono della Lgge 398/91 sono,  comunque esonerati dagli obblighi di cui al Titolo II" del D.P.R. 633/72, fra i quali l'emissione della fattura”

Se per le piccole associazioni la problematica della fatturazione appare, pertanto, superata per quelle  con proventi superiori ai 65 mila euro permangono ancora ancora una serie di dubbi che dovranno necessariamente essere chiariti al più presto: come deve essere intesa la previsione secondo cui tali soggetti “ assicurano che la fattura sia emessa per loro conto dal cessionario o committente soggetto passivo d’imposta”. Si tratta di una fattura emessa materialmente dal cessionario/committente in nome e per conto del cedente/sodalizio sportivo, oppure si tratta di un’autofattura da assoggettare al regime di inversione contabile da parte del cessionario/committente?

A nostro avviso l’interpretazione corretta, e anche quella di buon senso e rispettosa della legge 398/91, dovrebbe essere la seguente:

  • Se la cessione o prestazione è nei confronti di un soggetto IVA ( classico esempio lo sponsor) la fattura viene emessa dal commissionario in nome e per conto dell’ASD/SSD, ma la stessa resta obbligata al versamento dell’IVA nei confronti dell’Erario. Si adotta, cioè, la stessa modalità utilizzata dai cessionari nel caso in cui il cedente ometta di emettere regolare fattura. In questo caso il cessionario provvederà a registrare la fattura nella proprio registro IVA acquisti, detraendo l’IVA, ma corrisponderà al cedente l’intero importo della fattura (IVA inclusa) lasciando allo stesso ogni obbligo relativo al versamento.
  • Se la cessione o prestazione è nei confronti di un privato la fattura se richiesta viene emessa dall’ASD e deve essere elettronica mentre nei confronti di soggetti esteri potrà essere ancora cartacea.

Resta da chiarire l’ipotesi in cui il destinatario della fattura sia un soggetto IVA  esonerato dall’obbligo della fatturazione elettronica essendo ad esempio un contribuente in regime forfetario o altro soggetto in regime Legge 398/91

E quanto mai auspicabile un chiarimento sulle modalità applicative di tale norma non potendo l’incertezza interpretativa ricadere sul mondo dello sport dilettantistico.

28 Dic 2018

SAVE THE DATE - Il Consiglio Federale, su richiesta del Settore Arbitrale Federale, ha deliberato lo svolgimento della prova d'esame da giudice di gara cui potranno partecipare i tecnici tesserati in regola con il tesseramento 2019 ed in possesso della qualifica di Maestro Federale Nazionale*, con abilitazione S/C o S/B, in: Liscio Tradizionale.

* Coloro che non avessero ancora completata la formazione per le conoscenze generali (ex FAD) per l’ottenimento della qualifica di Maestro Federale Nazionale, potranno partecipare ugualmente alla sessione d’esame ma l’aggiornamento dell’abilitazione in caso di superamento dell’esame avverrà solamente una volta completato il riconoscimento della qualifica tecnica.

Per coloro che sono inquadrati con abilitazione S/C il superamento dell’esame consentirà l’attribuzione della sigla S/A. Mentre per coloro che sono in possesso dell’abilitazione S/N (essendo questa non più prevista nel Regolamento del Settore Arbitrale Federale) è necessario partecipare e superare l’esame per consentire la qualificazione in S/A (altrimenti sarà attribuita la qualifica S/C).

La sessione d'esame è prevista a Torino per il 13 febbraio 2019.

Scarica la circolare d'esame e il modulo d'adesione. Scadenza adesioni: 7 febbraio 2019

Inviare mail con modulo e pagamento a: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Materiale d'esame (link): Regolamento dell'Attività Sportiva federale 2018/2019 (suddiviso per settore), Regolamento votazioni e metodi di giudizio, Codice Etico FIDS, Codice di comportamento CONI, Regolamento del Settore Arbitrale Federale.

Pagina 1 di 15